«quando cadeva per terra un pezzo di pane»

Quando cadeva per terra un pezzo di pane, gli adulti dicevano ai bambini di raccoglierlo e baciarlo prima di rimetterlo nel cestino… Noi che da bambini abbiamo imparato a baciare il pane, abbiamo in mente la nostra infanzia e ricordiamo l’eredità di una fame che ormai non conosciamo più…

Almudena Grandes, I baci sul pane (Guanda 2016)

I baci sul pane sono quelli che, un paio di generazioni fa, i genitori insegnavano a dare al cibo caduto per terra, in segno di rispetto per quel bene prezioso, che non doveva, in alcun caso, essere buttato o sprecato. Una lezione dimenticata, sostiene la scrittrice spagnola, negli anni del benessere e dell’abbondanza: «Quando ci facevano credere di essere ricchi, sempre più ricchi».
Quello della Grandes, non è soltanto un romanzo sulla nuova povertà, «ma una rivendicazione della cultura della povertà, quella dei nostri nonni che sapevano essere poveri con dignità». E felici, anche senza spendere e consumare più del necessario.

Dall’intervista di Elisabetta Rosaspina all’autrice madrilena su “la Lettura” del CORRIERE DELLA SERA del 7 maggio 2016 (servizio fotografico di Benedetta Mascalchi):

Schermata 2016-05-31 alle 20.02.46